Preghiera a Cristo🕊Un’Ala di riserva… e altre lettere di don Tonino

🕊🕊🕊
Michele Lobaccaro
Un´ala di riserva- Messa laica per Don Tonino Bello
2011 – EDIZIONI LA MERIDIANA

www.mescalina.it/musica/recensioni 03/06/2011 – di Arianna Marsico

Un´ala di riserva è un omaggio a Don Tonino Bello, vescovo in prima linea per la pace e la lotta ad ogni forma di emarginazione, in occasione dei 18 anni dalla sua morte. Una vita, la sua, realmente a fianco degli ultimi cui le gerarchie ecclesiastiche sono vicine spesso solo a parole. Una vita da francescano d’altri tempi, vissuta all’insegna di un Cristianesimo che si interroga sui propri errori, che tanto ha da insegnare ai novelli crociati senz’anima. Questo travaglio da lui affrontato è riassunto nella Preghiera a Cristo (contenuta nel libro che con l’album compone il cofanetto).

E questo messaggio di amore universale e concreta fratellanza è in grado di colpire a prescindere dalle idee religiose (chissà che ne penserebbe Fabrizio De Andrè con il suo Testamento di Tito) ed è stato in grado di unire per il progetto Un´ala di riservaartisti dalle personalità tanto diverse, partendo dall’ideatore Michele Lobaccaro dei Radiodervish per arrivare a Franco Battiato Caparezza. Ecco quindi perché Messa laica per Don Tonino Bello è il degno sottotitolo del disco: un tributo a chi si è tanto speso per il prossimo non può avere né colore politico né connotato esclusivamente religioso. La pienezza di una vita ricca di amore è un dono per tutti. 

I brani originali, composti da Michele Lobaccaro, traggono ispirazione da alcuni scritti del vescovo. A livello musicale fondono arcano e moderno, in una miscela dialettica che fa viaggiare nella storia le parole di speranza. Un perfetto esempio della composizione di questo dualismo è Auguri scomodi in cui al cantato etereo e profetico di Lobaccaro fa da contrappunto il rap di Caparezza. E’ un’invettiva vibrante contro l’appiattimento nei rapporti umani causato da mezzi, quali i social network ad esempio, che dovrebbero favorirli e che spesso invece li riducono a formali scambi di informazioni privi di reale interesse. Donna di frontiera, interpretata da Alessia Tondo, è quasi un salmo che ricorda con dolcezza non solo Maria ma ogni madre coraggio pronta a superare ogni confine per il proprio bambino. Un’ala di riserva, la title – track, cantata da Nabil Salameh, ricorda la finitudine umana che solo una catena solidale può far superare. I suoni evocano paesi lontani come l’Armenia e ritmi lenti in cui ritrovare il proprio Io.
I brani tradizionali ricevono nuova linfa dalla commistione con sonorità mediterranee e non solo. A cominciare da Agnus Dei con Franco Battiato e Nabil Salameh (Radiodervish). La solennità è intatta ma l’impasto vocale le conferisce calore ed un tocco di mistero. Per non parlare del Magnificat presentato dagli Adria in veste sinuosamente arabeggiante che prende cuore e corpo, con un coro emozionante come un gospel (spesso è proprio l’anima a mancare nei canti religiosi odierni, tristi rituali vuoti che allontanano fedeli e non). O ancora il Credo cantato da Giovannangelo de Gennaro con voce carezzevole come ambrosia.

Un´ala di riserva – Messa laica per Don Tonino Bello è un mappamondo di suoni, una coperta calda per i bisognosi e per le anime fredde.

Edizioni la meridiana
Coraggio! Lettera agli ammalati
Al pozzo di Sichar
Appunti sulle alterità
Icona della Trinità
Lettera alle famiglie
La carezza di Dio
Lettera di Giuseppe
Dissipare l’ombra di Caino
Appunto sulla non violenza

TI VOGLIO BENE
I giorni della Pasqua

Senza misura

A Sara e alle altre Donne

Quella notte a Efeso
Lettera a Maria

www.edizionilameridiana.it


2 risposte a "Preghiera a Cristo🕊Un’Ala di riserva… e altre lettere di don Tonino"

  1. L’ha ripubblicato su non c'è rosa senza spine By GiuMae ha commentato:

    “E alla cultura della musica e dell’arte, è possibile far intendere che lo struggente, insoddisfatto, bisogno di comunione, inscritto nei ritornelli delle canzoni o nei cromatismi di una tela, è il sacramento dell’inquietudine che può placarsi solo in te, Signore?

    E nella cultura degli Islamici che ci passano vicino, o dei viandanti Indù, approdati da sponde lontane, sarà mai possibile trovare feritoie per il passaggio delle tue verità?” (da Preghiera a Cristo di don Tonino Bello)

    “Questa messa laica e sparsa segue le indicazioni desunte nelle numerose riflessioni elaborate dalla stesso do Tonino sulla liturgia eucaristica. Una chiave per me utile è stata l’idea, più volte sostenuta dal vescovo di Molfetta, che La messa dovrebbe metterci in crisi ogni volta e che ci dovrebbe scaraventare fuori, allontanarci dalla ripetizione del già visto per orientarci verso l’inedito. Perchè, come scriveva don Tonino, La pace è finita, andate a messa. Chè se vai a messa è finita la tua pace.”
    Michele Lobaccaro
    https://www.lameridiana.it/un-ala-di-riserva.html

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...